vai al contenuto. vai al menu principale.

La città di Susa appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Menu di navigazione

Calcolo IMU

Scheda del servizio

L’Imu ha per presupposto il possesso di immobili (fabbricati, aree edificabili), ivi comprese l’abitazione principale (solo categorie A/1, A/8 e A/9) e le pertinenze della stessa.
Abitazioni concesse in comodato: La base imponibile è ridotta del 50 per cento con decorrenza dal 01/01/2016, per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonchè dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all'immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; ai fini dell'applicazione delle disposizioni della presente lettera, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all'articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23.
Terreni Agricoli: Poiché il Comune di Susa è classificato totalmente montano (sulla base dei criteri individuati dalla circolare del MEF n. 9/1993), i terreni agricoli sono esentati dal versamento dell’imposta.
Fabbricati rurali strumentali: Esenti
Requisiti abitazione principale: contemporanea residenza anagrafica e dimora abituale
pertinenze: categorie catastali C/2, C/6 e C/7 nella misura massima di una unità per ciascuna delle categorie.
Dall’imposta dovuta per l’abitazione principale + pertinenze spetta una detrazione di € 200.00.
Si ricorda che la prima rata deve essere calcolata in misura pari al 50% dell’imposta risultante dall’applicazione delle aliquote e delle detrazioni dell’anno precedente.

Scadenze
I soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al comune per l'anno in corso in due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno.

Calcolatore IMU anno 2018

Clicca qui per il calcolo IMU ravvedimento operoso anno 2017

Per iniziare il calcolo selezionare una aliquota


Consultazione rendite catastali

ATTENZIONE: si rammenta che il calcolo è effettuato sui dati dichiarati dal contribuente. E' pertanto necessario che il contribuente controlli con cura tutti i dati degli immobili di proprietà indicati sulla presente scheda. L'utente è l'unico responsabile della correttezza dei calcoli e della compilazione del modello F24 ed è invitato a verificare sempre la correttezza dei calcoli prima di procedere con il pagamento. L'Amministrazione comunale non si assume alcuna responsabilità circa l'inesattezza dei dati medesimi.

L'importo da pagare è arrotondato all'Euro per difetto se la frazione è inferiore o uguale a 49 centesimi, ovvero all'Euro per eccesso se la frazione è superiore a 49 centesimi.

In caso di ravvedimento per i tardivi od omessi versamenti dell'Imu, le sanzioni e gli interessi dovranno essere versati unitamente all'imposta dovuta.

A decorrere dal 1° gennaio 2015 sarà esentata dal pagamento IMU la unità immobiliare (una e solo una) posseduta da italiani pensionati nei rispettivi Paesi di residenza all’estero ed iscritti all’AIRE, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso. Le imposte comunali Tari e Tasi saranno, per ciascun anno, ridotte nella misura di due terzi.

CategoriaDescrizione
A/1Abitazione signorile
A/2Abitazione civile
A/3Abitazione economica
A/4Abitazione popolare
A/5Abitazione ultrapopolare
A/6Abitazione rurale
A/7Abitazioni in villini
A/8Abitazioni in ville
A/9Castelli e palazzi di eminenti pregi artistici o storici
A/10Uffici e studi privati
A/11Abitazioni tipiche dei luoghi
B/1Collegi, convitti educandati ricoveri, orfanotrofi, ospizi conventi, seminari e caserme
B/2Case di cura e ospedali
B/3Prigioni e riformatori
B/4Uffici pubblici
B/5Scuole e laboratori scientifici
B/6Biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli ricreativi e culturali senza fine di lucro, che non hanno sede in edifici della categoria A/9
B/7Cappelle e oratori non destinati all'esercizio pubblico dei culti
B/8Magazzini sotterranei per depositi di derrate
C/1Negozi e botteghe
C/2Magazzini e locali deposito (cantine e soffitte con rendite autonome)
C/3Laboratori per arti e mestieri
C/4Fabbricati e locali per esercizi sportivi senza fine di lucro
C/5Stabilimenti balneari e di acque curative senza fine di lucro
C/6Box o posti auto pertinenziali
C/6Autosilos, autorimesse (non pertinenziali), parcheggi a raso aperti al pubblico
C/6Stalle, scuderie e simili
C/7Tettoie chiuse o aperte
D/1Opifici
D/2Alberghi, pensioni e residences
D/3Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (arene, parchi-giochi)
D/4Case di cura e ospedali con fine di lucro
D/5Istituti di credito, cambio e assicurazione
D/6Fabbricati, locali ed aree attrezzate per esercizio sportivi con fine di lucro
D/7Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni
D/8Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni
D/9Edifici galleggianti o assicurati a punti fissi del suolo e ponti privati soggetti a pedaggio
D/10Fabbricati per funzioni produttivi connesse alle attività agricole
D/11Scuole e laboratori scientifici privati
D/12Posti barca in porti turistici e stabilimenti balneari
E/1Stazioni per servizi di trasporto Esenti
E/2Ponti comunali a pedaggio Esenti
E/3Fabbricati per esigenze pubbliche Esenti
E/4Recinti chiusi per esigenze pubbliche Esenti
E/5Fortificazioni Esenti
E/6Fari, semafori, torri per orologio Esenti
E/7Fabbricati per esercizio di culti Esenti
E/8Cimiteri Esenti
E/9Edifici particolari non compresi nelle categorie precedenti

Ufficio di competenza

Nome Descrizione
Responsabile Maddalena Grisa 0122 648345
Personale Romina Ainardi 0122 648341
Anna Maria Rumiano 0122 648346
Simona Claretto 0122 648349
Bianca Rosa Rumiano 0122 648342
Simonetta Rivetti 0122 648343
Indirizzo Via Palazzo di Città 39
Telefono 0122 648341
Fax 0122 648344
EMail finanziario@comune.susa.to.it
imu@comune.susa.to.it
ragioneria@comune.susa.to.it
tributi@comune.susa.to.it
PEC comune.susa.to@legalmail.it
Apertura al pubblico
Apertura al pubblico
Giorno Orario
Lunedi 9.00 - 12.00
Martedi 8.30- 12.00 / 16.00- 18.00
Mercoledì - Giovedi 10.30 - 13.30
Venerdì 8.30- 12.00 / 16.00- 17.00

Documenti - Normativa